Not Safe For Work

Not Safe For Work

venerdì 6 gennaio 2017

Checklist Bdsm: cos'è? Perchè usarla?

Da quando ho cominciato a praticare il Bdsm ho ricevuto una serie di messaggi privati da sottomessi che mi illustravano le circostanze in cui si trovavano a disagio, o in alcuni casi addirittura spaventati da qualcosa che la loro Dominante gli ha fatto o chiesto di fare. Le circostanze specifiche non sono importanti, ma in tutti i casi essi sono al di là della zona di comfort del sottomesso e, a volte hanno portato ad alcuni risultati più sfortunati.
Queste disgrazie vanno da danni fisici all’angoscia emotiva.
Sono questi casi sfortunati, isolati e legati ai sentimenti momentanei del sottomesso, a metterli a disagio, oppure è più semplicemente una questione di cattive (inesperte) Dom?

A volte è più la seconda alternativa.
Altre volte sono una questione di ignoranza (non conoscenza) combinata alla cattiva comunicazione.
Altri ancora il risultato di una mancata corrispondenza emotiva e passionale tra la Dominante ed i suoi desideri e il sottomesso e le sue zone di comfort e desideri. A volte questi casi sono il prodotto di quello che io considero una persona abusiva o manipolativa che crede ingenuamente che l’esagerazione e la violenza gratuita la renda più dominante, ma con poca o nessuna conoscenza o comprensione di ciò che costituisce rapporto D/s. 

In ogni caso, i risultati possono essere tragici ed è doloroso e difficile da stare a guardare obiettivamente e senza giudizio.
Uno degli esempi comuni che mi sento descrivere da queste sfortunate circostanze potrebbe andare come segue: “Sono un sottomesso e dopo pochi mesi ho avuto il collare della mia Dom. 

Ma di recente ha fatto [inserire atto disagio o pericolo] e mi ha detto di fare [inserire ulteriore atto a disagio o inaccettabili] e si è tradotto in [inserire spiacevole e inutile esito disastroso]. Non so come si sentono su queste cose gli altri sottomessi, e so che la mia Dom ha sempre ragione e che dovrei essere grato per la sua guida, ma questo non mi fa stare bene per niente. Dove sbaglio? Come posso parlarne con la mia Dom? Quando provo si arrabbia e mi dice che devo fare come mi è stato detto o posso anche trovare un'altra Dom”.
Suona familiare? Se è così, si dovrebbe essere preoccupati.

Molto.

Ci sono così tanti campanelli d’allarme in quella breve descrizione.
Cominciamo con la descrizione della relazione stessa: un sottomesso che è stato con una Dom per un paio di mesi e già indossa un collare. Subito questo mi dice che né la Dom, né il sottomesso hanno molta esperienza nello stile di vita BDSM. Come ho già detto nel mio post su Collari, questo è un processo che impiega anni, non settimane o mesi, per poter garantire una corretta fiducia e fondamenta emotivi.
In secondo luogo, una Dom non è onnipotente e non ha sempre ragione. Esse hanno una responsabilità profonda nel comunicare apertamente ed efficacemente con il loro sottomesso, e di ascoltare e valutare attentamente le sue preoccupazioni. “Io sono la Dom e si fa quello che dico” non è il modo in cui funziona ed è segno di una persona inesperta che crede sia questa la dominazione e non una Mistress competente e attenta.
A una Dominante è concesso un potere enorme da un sottomesso, ma con esso viene ugualmente accompagnato da tremenda responsabilità. (come Spiderman! Perdonate la citazione!).


Una delle prime cose che ho chiesto al sottomesso di scrivermi è se l’azione inaccettabile o la domanda da parte della sua Dominante era nell'ambito di ciò che era stato precedentemente concordato. Sono stati superati o rotti i vostri limiti? La risposta che ricevo quasi universalmente è così sconvolgente, ed è più o meno così: “Io porto il Collare della mia Dom e lei mi sta addestrando ora. Non siamo arrivati al punto in cui abbiamo discusso dei limiti o sviluppato alcun accordo, ma sono sicuro che ci saranno nel tempo”.

STOP!

Vuoi dire che stai mettendo la tua sicurezza, il benessere emotivo, e la vita nelle mani di qualcun altro, una persona che ha evidentemente poca o nessuna esperienza nello stile di vita BDSM, e non sono stati esaminati o discussi i tuoi interessi, desideri, paure, preoccupazioni e limiti invalicabili o meno?
Si sono ciecamente aspettati che questa “Dom” saprà sempre fare la cosa giusta, senza mai superare i propri limiti. Si sta per lasciare che qualcuna vi faccia quello che vuole (apparentemente fuori del proprio tornaconto) nel nome di “formazione”.

Diamo quindi un’occhiata a cosa succede nello scenario sopra quando il sottomesso cerca di comunicare le proprie preoccupazioni su quanto è successo. La Dom si chiude. 

Peggio ancora, e forse forse più tragicamente, la loro peggiore paura (che è comunque naturale) è quella tipica dei sottomessi, ovvero il rischio di rifiuto e di abbandono. Questo non è dominanza, è manipolazione; ed è tragico.

C’è così tanto male in questo scenario complessivo che è difficile da coprire in un breve blog. Così ho intenzione di concentrarmi su una cosa che potrebbe aiutare a prevenire che alcuni di questi eventi accadano:


la Checklist BDSM

Prima che qualcuno, da qualche parte, si impegni in una qualsiasi forma di scambio di potere o attività BDSM, una lista di controllo BDSM approfondita dovrebbe essere completata da entrambe le parti e il contenuto apertamente e onestamente scambiato e discusso l’un con l’altra. E’ solo attraverso questo esercizio che sia il potenziale dominante che quello sottomesso possono fiorire appagando i desideri, mitigando le paure, onorando le richieste, sempre nei discussi limiti. È qui dove emergeranno le vostre differenze, ed i vostri punti di contatto, e soprattutto dove le paure potranno essere superate, se dettate dal timore di essere giudicate dalla società, o ancora peggio, dalla propria Dom, o se sono paure invalicabili. Da queste discordanze emergono i più importanti confini.

In una relazione qualsiasi potenzialmente  D/s, una volta che un interesse tra due persone viene stabilito, una delle prime cose che devono fare è completare una lista di controllo BDSM e scandirla a voce, confrontando i risultati fra la coppia. Lo scopo è quello di giungere ad una comprensione delle cose che ogni persona ama, le cose che non hanno mai fatto prima, in cui potrebbe piacere esplorare, le cose che dovrebbero essere evitate, i limiti da stabilire, e questioni pratiche come le malattie sessualmente trasmissibili, il controllo delle nascite, il coinvolgimento degli altri, quello che sarà fatto in pubblico, la sicurezza personale e l’anonimato, le parole di sicurezza, e una serie di altre questioni. Queste cose devono essere identificate, discusse e concordate prima di sostituire il primo briciolo di potere o giocare la prima scena insieme.
Se io non so ciò che gli fa amare dell’essere un sottomesso, quello che è curioso di sapere, ma troppo timido per provare, che cosa lo spaventa, ciò che traumi passati possono portare alla luce, sto solo andando alla cieca nel buio e sperando per il meglio. Le mie possibilità di successo come Dominante sono sottili. Dopo tutto, il più grande ruolo di una Mistress è esplorare la mente di un sottomesso, perché è da lì che la sua sottomissione proviene. Se non ho conoscenza di alcun tipo sul modo in cui che la sua mente funzioni, non ho strumenti con cui lavorare. Ho letteralmente le mani legate dietro la schiena.

Ogni Dominante competente e rispettabile e Mistress che ho incontrato utilizza una forma di processo per esaminare questi importanti aspetti di un potenziale sottomesso  per condividere i propri punti di vista al fine di arrivare ad una comprensione reciproca, con la fiducia come base del loro rapporto o gioco.

Submissive BDSM Play Partner Check List:

http://www.evilmonk.org/a/docs/chklst.doc
Utilizzate queste liste di controllo, riflettete sui problemi che sollevano e come ci si sente ad affrontarli. Controllate il vostro ego, mettetelo alla porta, crescete e miglioratevi anche voi, e prendete il tempo per capire i vostri gusti e limiti e quelli del proprio partner.

Investire il tempo, la cura e l’energia in questo passaggio semplice, ma cruciale, permetterà di migliorare notevolmente la probabilità di creare una relazione D/s piacevole e stimolante, e ridurre la possibilità di equivoci. Se non si è disposti o anche consapevoli della necessità di comunicare, all'inizio, è improbabile che comunichino apertamente e abbastanza durante le pratiche più invasive e dolorose.
Soprattutto, non posizionate la vostra sicurezza e la vita nelle mani di qualcuno che non ha idea delle vostre esigenze, desideri e limiti e non fa nulla per scoprirlo.

Fate attenzione, siate diligenti, comunicate e ponete dei limiti.




Nessun commento:

Posta un commento

Copyright

Copyrighted.com Registered & Protected 
9659-NUMU-ZC4E-QPRG